HOME

                                                                       
                                                                                                                                           

   Audace Legnaia - Novoli 1-1

 AUDACE LEGNAIA: Poli, Stella, Landi, Senese, Coppini, Tozzi (40′st Ristori), Silvestri, Bocci, Mazzoni (18′st Scialdone), Fraccone (38′st Forasassi), Batisti (40′st Cagiotto). A disp.: Mastroianni, Lavagnini, Moreno. All.: Fancelli al posto dello squalificato Massai.

NOVOLI: Fattori, Perini, Di Rocco, Trouche, Guerra, Brocchi, Maio (18′st Britos), Melaccio, Chiarusi (31′st Ricapito), Enache, Vignozzi. A disp.: Arezzo, Meta, Cecchi, Mirabella, Ferraioli. All.: Sacconi.
ARBITRO: Abbinante di Pisa


RETI: Enache (N) 5′pt su rigore – Bocci (AL) 35′pt
NOTE: Ammoniti Perini (N), Vignozzi (N), Tozzi (AL), Trouche (N), Coppini (AL)


Né vincitori né vinti nel derby fra Legnaia e Novoli, con le due compagini che -vogliose rispettivamente di risalire un po’ in graduatoria e di rifarsi dopo una pesante sconfitta al “Barco”- non vanno oltre l’1-1 sul sintetico del “Bacci” in una gara tutto sommato equilibrata e condizionata da un arbitraggio decisamente non all’altezza. A cominciare con il piede giusto sono gli uomini di Sacconi che, vittoriosi all’andata grazie alla tripletta dell’ex Chiarusi, iniziano sin da subito a far sentire il proprio fiato sul collo degli avversari. Dopo soli 5’ si registra il primo episodio chiave della partita, quando il direttore di gara concede un rigore molto discutibile agli ospiti che viene successivamente trasformato da Enache, bravo a spiazzare Poli nella circostanza. La doccia fredda subita rischia di ripercuotersi sui locali con effetti peggiori in quanto non molto tempo più tardi il Novoli può usufruire di due nitidissime chance in contropiede per raddoppiare ma, se in primo luogo è Enache a gettare la sfera alle ortiche con un tiro che termina al lato (con l’arbitro che concede un calcio di rinvio ai gialloblù anche se ai più la battuta dell’attaccante arancionero era parsa deviata), non ha miglior fortuna, in seguito, Vignozzi, il quale non riesce a concretizzare sbagliando il passaggio decisivo. L’Audace inizia pian piano a prendere coraggio e riesce ad uscire dal proprio guscio al termine di una fase priva di sussulti con un colpo di testa insidioso di Mazzoni che, dopo aver anticipato anche Fattori alla mezz’ora, vede il proprio tentativo salvato sulla linea da un difensore. Nell’arco di cinque giri di orologio i locali pervengono al pari grazie a Bocci, molto abile nel freddare sotto la traversa il portiere ospite dopo una pregevole azione personale. Di qui niente sino al duplice fischio, per cui si va al riposo sull’1-1.
Al rientro in campo il Novoli si mostra maggiormente intraprendente, ma quando gli audacini attaccano sanno rendersi ben più pericolosi come nel frangente in cui Senese, lanciato a rete da un ottimo Bocci, calcia clamorosamente il pallone addosso a Fattori in uscita. A partire dal 30’ il ritmo, complice anche la stanchezza, cala vistosamente tornando ad accendersi soltanto nel finale, quando Chiarusi da una parte e Silvestri dall’altra (con un tiro neutralizzato magistralmente da Fattori) non riescono per poco a conferire diverso assetto al punteggio. Pochi minuti in precedenza al fischio finale il Sig. Abbinante di Pisa macchia ancor più la propria prova già rivedibile valutando erroneamente regolare un’uscita sconsiderata di Poli ai danni del diretto avversario per poi lasciar correre al termine di una scorrettezza su Bocci in un’azione quasi identica a quella del penalty per l’équipe di Via Baracca. In pieno recupero Silvestri si fa annullare -stavolta decisione giusta- una rete per fuorigioco e sul capovolgimento di fronte ci vuole uno strepitoso Poli per dire di no ad Enache, presentatosi indisturbato davanti a lui. Cala dunque il sipario in Via Dosio con i due team che, al termine di una partita giocata non ad altissimo livello da ambo le parti, tornano a casa con un punto a testa, utile più al Novoli per l’interruzione della propria striscia negativa che non al Legnaia, ancora invischiato in zona retrocessione.