HOME
DOVE SIAMO
LA SOCIETA'
LA STORIA
VARI LINK
I NOSTRI SPONSOR
I NOSTRI CAMPI
CONTATTI
                             

CLICCA QUI -> LEGNAIA ANTICA

 

 
LE SQUADRE
I CAMPIONATI
PROSSIME GARE
ALLENAMENTI
SCUOLA CALCIO
MED. SPORTIVA
I TECNICI
NEWS
                                                                                                               LA STORIA
   

Ai primi del ‘900 il rione di Legnaia (detto il rione dei cavoli), uscendo da Porta San Frediano, seguiva le varie parrocchie e i piccoli agglomerati urbani, che si susseguivano Pignone, Monticelli, San Quirico e Ponte a Greve ed era considerata parte della campagna di Firenze e, quando nel 1932 fu distrutta la vecchia stazione di S.Maria Novella, i calcinacci furono portati in campagna, su un appezzamento di terreno di proprietà comunale, al termine di Via Bronzino.

Così come anche le macerie di una parte di Santa Croce finirono sullo stesso terreno.

Nel 1935 i giovani sportivi di Legnaia crearono una squadra di pallacanestro e la chiamarono Audace Legnaia; si crearono un  campo per le loro partite proprio su quel terreno, sfruttando anche i calcinacci per fare un pavimento presentabile.

Ma venne la guerra e il Comune di Firenze concesse quel terreno agli abitanti del blocco di Via Antonio del Pollaiolo, strada che nel frattempo era stata costruita per adibirla ad orti di guerra. Ad ognuno il suo pezzetto per ricavarne due pomodori, un cesto d’insalata e due patate.

Dopo il passaggio del fronte il quel luogo gli alleati impiantarono una batteria antiaerea.

Finiti finalmente gli eventi bellici, i giovani di Legnaia e Monticelli crearono una squadra di calcio: l’Audace Legnaia. Le prime partite le giocarono sul Campo del Bartolozzi a Scandicci.

Ma la voglia di avere un campo proprio li spinse a chiedere al Comune l’uso di quel terreno pieno di sassi e di calcinacci per farne un campo di calcio.

Ottenuta l’autorizzazione noleggiarono una ruspa (20.000 lire nel 1945) e spianarono la superficie. Era piana ma c’erano ancora tanti sassi (ecco perché il nostro campo assorbe così bene l’acqua piovana. Quando nel 1946 fu disputato il primo campionato (seconda categoria) per spogliarsi si andò al Circolo che era in via del Pollaiolo dove ora c’è un albergo. Due belle conche piene d’acqua servivano alle due squadre per lavarsi.

Dobbiamo all’impegno e al sacrificio di due persone: Talli Morando e Berlincioni Renzo se la Società continuò a vivere e prosperare: Morando con la cura del campo e Renzo con la cura per la squadra.

Arrivò poi Vinanti Renato, una persona determinante per spirito organizzativo tale da far sì che l’Audace Legnaia continuasse a crescere nel migliore dei modi.

Intanto Talli aveva comprato a Barga dagli alleati una baracca di legno e da essa ne ricavò gli spogliatoi e – con non poche spese – anche le docce per lavarsi.

Tramite conoscenze fu stipulata la convenzione e la sponsorizzazione del Jolly Caffè e per diversi anni la Società fu denominata Jolly Caffè Audace.

Nel 1959 l’Audace ottenne finalmente il salto in prima categoria e con tanto entusiasmo e la sottoscrizione di molti sostenitori furono costruiti gli spogliatoi in muratura (quattro spogliatoi più quello dell’arbitro più la sede sociale e la sala bar).

L’amicizia col socio Tafanari portò ad avere uno sponsor più consistente: la “Reman”, una ditta che trattava mobili e televisioni.

Le migliori disponibilità permisero di ottenere dalla F.I.G.C. il passaggio in promozione e memorabili furono le battaglie con alterne fortune con la Rondinella, San Giovanni Valdarno, Montevarchi, Borgo San Lorenzo, ecc.

Nel 1961 quando il Club Sportivo, cessò di organizzare il Torneo Città di Firenze, fu l’Audace Legnaia a subentrare nell’allestimento della manifestazione per ben nove anni con la soddisfazione di avere sempre un pubblico numerosissimo alle accese partite del Torneo. Inoltre nel 1962, Presidente Brogelli, fu organizzato il Trofeo Artistico. Squadre di artisti dilettanti: cantanti, ballerini, poeti e dicitori che si cimentavano abbinati con le 16 squadre che disputavano il trofeo calcistico. Avevamo il famoso Corrado (Mantoni) a presentare ed ogni sera l’ospite d’onore: Tino Scotti, l’Orchestra Pineschi, Carlo Dapporto, il Maestro Cesarini e tanti altri affermatissimi artisti.

Con l’avvento di Codacci alla Presidenza la Società si affermò ancor più nel mondo dilettantistico fiorentino. Furono acquistati le tribune e l’impianto di illuminazione.

La prima squadra continuava a sbalzi il suo cammino fra promozione e prima categoria della Federazione Italiana Giuoco Calcio, con Casi ex giocatore di serie C allenatore che, nel 1966, assunse anche la Presidenza, e con la soddisfazione più bella di avere 10 squadre nel settore giovanile.

L’estate sul nostro campo veniva disputato il Memorial Rodolfo Boschi organizzato dal Circolo San Frediano con grande affluenza di pubblico.

Dal 1972 Giulio Bacci, che già dal 1962 era entrato a far parte del Consiglio Direttivo dell’Audace Legnaia, divenne Presidente. Da quella data le cose sono continuate in modo soddisfacente: due vittorie in Coppa Toscana, due Campionati Juniores Vinti, una retrocessione e l’immediata successiva promozione.

Il crollo dei pali dell' impianto di illuminazione, avvenuto nel 1999, causò un danno non indifferente alla Società. Il maggiore fu subito dal settore giovanile che a causa della mancanza di luce artificiale (e di conseguenza degli spazi di allenamento), fu costretto a cessare quasi del tutto la propria attività.

Una grande soddisfazione  nell’anno 2001 quando il Comune di Firenze consegnò alla Società i nuovi spogliatoi ed una sede veramente accogliente. Adesso la società è composta da tre squadre: prima categoria, juniores ed allievi.

Un triste ricordo va alla perdita avvenuta in un incidente stradale del nostro giovane atleta Gionata Izzo (classe 1987) che aveva militato nella squadra Juniores da due anni.

Purtroppo il novembre scorso una disgrazia imprevista: il Presidente Bacci ci ha lasciato.- La Società, i giocatori e tutti gli sportivi fiorentini che conoscevano e stimavano Giulio, si sono stretti intorno alla famiglia e alla Società in modo veramente commovente.

Solo tre giorni dopo la sua morte (18 novembre 2006)avrebbe dovuto essere firmata la convenzione con il Comune di Firenze per l’assegnazione dell’impianto alla nostra Società; la firma fu rimandata, e nel frattempo Mauro Zingoni che ne aveva assunta la Presidenza, essendo ormai da oltre 20 anni nella dirigenza con l’incarico di responsabile del settore della medicina sportiva,  sottoscrisse l’importantissimo impegno il 4 Dicembre 2006.

Adesso l’Audace Legnaia, i tanti accresciuti Soci ed i suoi amici auspicano che i programmi previsti dal Consiglio Direttivo, rinnovato per buona parte con l’ingresso di forze nuove, continuino in modo efficace l’attività e sviluppino il vivaio giovanile, fino a riportarlo ai livelli delle più grandi società del settore.

Dopo aver calpestato per tanti anni i calcinacci e molti camion di sabbia ; ai primi di questo secolo ci e' venuto il desiderio di avere finalmente un campo in ERBA. 

Se ne sono interessati l'allora Presidente Bacci Giulio e poi i suoi successori Zingoni Maurio e Zingoni Alessio. Purtroppo il prezzo ogni anno aumentava e le banche, nessuna, aveva da concederci un Mutuo.

Finalmente, quest' anno con l' opera fattiva di Piccioli Massimiliano il Nostro Direttore Generale e Giacomo Gazzini Responsabile dell' Impianto , il comune di FIRENZE ci ha concesso la Fidejussione Bancaria per l' intero importo della spesa e di conseguenza abbiamo ottenuto il Mutuo.

Oggi possiamo appagare il nostri occhi nel vedere un campo verde,, e dare un conforto alle mamme dei ragazzi che non avranno più da lavare le maglie motose come le passate stagioni. 

E' una soddisfazione per i Dirigenti dell' Audace Legnaia, anche se purtroppo l'impegno per la realizzazione comporta un obbligo finanziario lungo e assai gravoso. 

Siamo fiduciosi di farcela e ci auguriamo che una buona parte dei genitori ci diano una mano per svolgere le tante cose che una attrezzatura come la nostra comporta. 

Ci auguriamo quindi che gli sportivi del rione , i genitori e gli appassionati  vengano a darci la loro collaborazione. 

 

Le 2 foto di seguito indicate ci portano indietro di tanti anni.

Raffigurano una formazione dell' AUDACE LEGNAIA settore giovanile anno (1946-1947)

che riusci' in Campionato nell' impresa di battere la FIORENTINA col risultato di 4-1.

3 gol furono realizzati da MAURO MAZZANTI (il 1 in alto a sinistra

nella 1 foto)

 

 

   U.S.D.  Audace Legnaia  Sede: Via Dosio 77/a  50142 Firenze  Tel: 0557135001  www.audacelegnaia.it  audacelegnaia@libero.it