HOME

Audace Legnaia - San Paolino cartitas  6-1


Formazioni:

AUDACE LEGNAIA:

SORACE(GIANI),PIANESE(PERINI),CALVARIO,PARISI(GIANNONI),PALUMBO,BRUNORI,CAZZATO(ORELLANA)DENARDO,

PENNA(MAZZANTI),FURI,MORICCI(MORENO).ALL.BERNINI

SAN PAOLINO CARITAS:

GALLETTI,LORINI,FRANCIONI,CRISAFULLI,FALCONI,ROMITI,RICCETTI,NENCI,BARTOLACCI

,CALZOLAI,STRATINI,A DISP.GOFFREDO.ALL.GUARINO

MARCATORI:CAZZATO,CALVARIO,BRUNORI,ORELLANA,ORELLANA,FURI.(LEGNAIA)autorete(SANPAOLINO):


La squadra di mister Bernini è abile ad entrare subito in partita senza sottovalutare la forza del San Paolino fanalino di coda del girone ma desideroso di fare comunque bene contro un Legnaia che sta attraversando un periodo di gran forma.I locali dimostrano subito la propria maggiore confidenza con il gol andando in rete dopo tre minuti con Cazzato per poi ripetersi dopo poco con il terzino Calvario oggi in insolita  veste di goleador.Gli avversari sembrano macinare un pò di gioco con buone triangolazioni che partono da centrocampo, ma le speranze di raddrizzare la partita sfumano al 30 " quando anche il centrocampista Brunori  trova il gol del sabato sera con gran pallonetto quasi da metà campo che inganna il portiere ospite.A inizio ripresa, il mister Bernini sfrutta subito la panchina lunga presentando  3 innesti freschi, uno di questi è l'indiavolato Orellana che al primo tentativo dal limite centra il gol del quattro a zero.Alla timida reazione del San Paolino, che sfoggia comunque un discreto tasso tecnico sopratutto in attacco , risponde nuovamente al 16" il solito Orellana abile a raccogliere in area un delizioso cross dalla bandierina di Moreno e ad anticipare tutti insaccando il secondo sigillo personale.Al minuto 21°chiude il conto della partita il bomber Furi ,fin lì rimasto a secco ,forse per la troppa foga di rimpinguare il già discreto score personale ( 9 gol fatti),confezionando un gran gol alla sua maniera ,cioè partendo in contropiede e a saltare l'ultimo uomo con gran dribbling e ad anticipare il portiere in uscita.La partita si chiude con il classico degli autogol con il centrale Giannoni che sbaglia il retropassaggio al proprio  portiere mandando la palla  inesorabilmente in rete.